SEI IN > VIVERE MESSINA > CRONACA
articolo

Frode all'Ue: denunciato imprenditore agricolo, sequestrati beni per 200 mila euro

1' di lettura
14

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno denunciato un imprenditore agricolo del Messinese ritenuto responsabile dell’indebita percezione di finanziamenti comunitari nell’ambito della politica agricola comune.

Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Capo d’Orlando hanno scoperto una truffa posta in essere dall’amministratore di una società agricola ai danni del FEAGA (Fondo Europeo Agricolo di Garanzia) e del FEASR (Fondo Europeo Agricolo Sviluppo Rurale) che, nelle campagne dal 2017 al 2021, aveva introitato risorse comunitarie non spettanti per un importo totale di circa 190 mila euro, oggi sottoposti a sequestro.

L’amministratore della società agricola, attraverso molteplici stratagemmi, avrebbe indicato nelle Domande Uniche di Pagamento inoltrate all’AGEA terreni di proprietà del Demanio della Regione in realtà mai concessi, terreni di proprietà di soggetti totalmente ignari e terreni contrattualmente destinati al “pascipascolo”, fattispecie che normativamente non consente di richiedere contributi.

L’amministratore della società agricola è stato pertanto denunciato per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato, sono state sequestrate somme di denaro e beni immobili per 200 mila euro, corrispondente al provento illecitamente introitato.



Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2024 alle 16:46 sul giornale del 12 giugno 2024 - 14 letture






qrcode