Archeologia, al Parco di Naxos il Premio "Comunicare l'Antico": i vincitori

3' di lettura 30/08/2023 - Siria e Turchia, paesi dilaniati dal tragico terremoto dello scorso febbraio, saranno tra i protagonisti della VI edizione del Premio "Comunicare l'Antico", in programma domenica 3 settembre al Parco archeologico di Naxos (Teatro della Nike, ore 19.30), ispirato al tema "Fra Oriente e Occidente".

Un incoraggiamento alla difficile e complessa ripresa post-sisma che non può e non vuole dimenticare la valorizzazione dell'immenso patrimonio culturale e archeologico dei due Paesi asiatici.

A ricevere il premio saranno, infatti, Nazir Awad, direttore generale dei musei e delle antichità della Siria, e il turco Rustem Aslan, direttore degli scavi archeologici a Troia. Ad Aslan si deve, nel 2018, l'apertura a Çanakkale - di fianco agli scavi dell'antica ed epica città di Priamo - del nuovo Museo archeologico di Troia: un progetto all'avanguardia già nel design della struttura e con un percorso espositivo dove alla ricchissima collezione di reperti sono accostati strumenti di narrazione innovativi come ologrammi, realtà aumentata e ricostruzioni 3D che, nel giro di poco tempo, hanno consentito di raddoppiare il numero di visitatori del sito.

Il Premio "Comunicare l'Antico" è organizzato dal Parco archeologico Naxos Taormina, diretto dall'archeologa Gabriella Tigano, in collaborazione con il festival Naxoslegge e con l'Archeoclub Naxos - Taormina - Valle Alcantara. Nasce nel 2017 da un'idea di Fulvia Toscano, direttore artistico del festival letterario Naxoslegge, ed è assegnato a studiosi e personalità italiane e straniere impegnate nella divulgazione della ricerca archeologica, storica e filologica, ma anche a enti e musei che hanno attuato strategie importanti di valorizzazione e comunicazione al grande pubblico.

«Ancora una volta - dice l'assessore regionale ai Beni culturali, Francesco Scarpinato - la cultura diventa strumento di riflessione e di dialogo fra civiltà di ieri e di oggi. Giardini Naxos e il Parco archeologico, con il Premio "Comunicare l'Antico", fanno da nobilissimo scenario a un incontro fra Oriente e Occidente, nel segno dell'amore per la storia e il patrimonio culturale materiale e immateriale».

Gli altri premiati saranno Filippo Coarelli, professore emerito dell'Università di Perugia, già ordinario di Antichità greco-romane, tra i primi a contribuire alla divulgazione scientifica del patrimonio archeologico nazionale; gli archeologi Alfonsina Russo, direttrice del Parco archeologico del Colosseo, e Massimo Cultraro, dirigente di ricerca dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale (Cnr-Ispc), docente dell'Università di Palermo e rappresentante del Ministero dell'Università e della ricerca; il Festival del Teatro classico dei giovani di Palazzolo Acreide, rappresentato dal direttore Sebastiano Aglianò; la Città di Agrigento, capitale italiana della Cultura 2025, rappresentata dal sindaco Francesco Miccichè. Infine, in occasione del 50° anniversario della scomparsa di J.R.R. Tolkien, sarà premiato John Garth, biografo e massimo studioso del romanziere britannico autore de "Il Signore degli Anelli". A introdurlo Oronzo Cilli, tra i massimi esperti dello scrittore.

Ai premiati verrà donata una scultura, opera del maestro Turi Azzolina, ispirata alla maschera del satiro, figura ricorrente fra i reperti della collezione del Museo di Naxos.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2023 alle 17:47 sul giornale del 31 agosto 2023 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione sicilia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/epG4





logoEV
qrcode