Taormina, si inaugura la mostra "Palinsesti, il Teatro antico dalla storia al mito"

2' di lettura 06/06/2023 - Si intitola "Palinsesti. Il Teatro antico di Taormina: dalla storia al mito" la mostra concepita dal Parco archeologico Naxos Taormina, in collaborazione con Electa, in programma da domani (7 giugno) fino al 31 ottobre 2023, nel grande complesso monumentale del teatro.

Un progetto ibrido tra archeologia e contributi multimediali, con un nuovo allestimento e la musealizzazione dell'ingresso occidentale alla cavea che diventa contenitore narrativo di tutte le fasi di vita, attraverso i secoli, del Teatro Antico. In mostra le iscrizioni più importanti per comprendere la storia millenaria del Teatro e alcuni dei frammenti della decorazione architettonica del monumento: preziosi marmi d'età imperiale recuperati fra pezzi in magazzino o sinora poco valorizzati, restaurati per l'occasione e inseriti in un percorso museale appositamente elaborato dai curatori, gli archeologi Gabriella Tigano, direttrice del Parco Naxos Taormina, Maria Grazia Vanaria e Dario Barbera. L'allestimento è dell'architetto Massimo Curzi.

L'indagine condotta dagli studiosi ha riservato anche alcune soprese: il ritrovamento dell'iscrizione di Paternus, un'importante epigrafe che si riteneva smarrita dall'Ottocento e con cui i ricercatori possono rivedere le precedenti ipotesi sulla fase di ristrutturazione del teatro del II secolo dopo Cristo, ovvero nella forma in cui è arrivato a noi; e la scoperta, sulle pareti dello spazio destinato all'allestimento, di scritte sui muri che documentano il restauro e l'apertura della versura occidentale ai visitatori, dal 1869 ai nostri giorni. Completa la mostra "Palinsesti" un percorso audiovisivo all'aperto, scandito da paline segnaletiche con QrCode che, attraverso immagini, narrazioni e rappresentazioni artistiche, suggeriscono una rilettura "guidata" del monumento e della nascita del suo mito moderno proponendo al visitatore contemporaneo le medesime prospettive di acquerelli, affreschi e inquadrature cinematografiche.

«Questa mostra – dice l'assessore ai Beni culturali e all'identità siciliana Francesco Paolo Scarpinato - ci restituisce la storia di un luogo di cultura che attraverso i secoli è divenuto un testimone delle radici identitarie della nostra Sicilia, fino a diventarne un'icona e uno dei simboli, a livello mondiale. Tramandare alle nuove generazioni il valore e l'importanza della storia e dell'archeologia, passando anche attraverso contenuti multimediali, rappresenta sicuramente un momento importante per la valorizzazione dei nostri beni culturali, accanto alla custodia e alla tutela che restano capisaldi della nostra mission».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-06-2023 alle 20:39 sul giornale del 07 giugno 2023 - 32 letture

In questo articolo si parla di cultura, regione sicilia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ebYc





logoEV
qrcode